MP Consulenza Legale | CRISI CONIUGALE: L’INTERVENTO DEL MEDIATORE FAMILIARE
17916
post-template-default,single,single-post,postid-17916,single-format-standard,bridge-core-2.2.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-16.9,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive,elementor-default
 

CRISI CONIUGALE: L’INTERVENTO DEL MEDIATORE FAMILIARE

CRISI CONIUGALE: L’INTERVENTO DEL MEDIATORE FAMILIARE

CHE COSA SUCCEDE QUANDO UNA PERSONA È ARRABBIATA?

Aumenta l’adrenalina, il battito cardiaco accelera e la pressione sale; il respiro si fa più veloce ed i muscoli sono tesi. Quando una persona è arrabbiata le risulta difficile ascoltare.

I problemi di comunicazione tra due coniugi, spesso, sono al tempo stesso causa ed effetto del fallimento della relazione; infatti, il modo in cui le coppie affrontano il disaccordo è un punto molto critico. I ricercatori del Centro studi Coniugali e Familiari dell’Università di Denver, in Colorado, hanno osservato che ciò che importa non è se le coppie litigano o meno, in quanto le divergenze in una relazione sono normali, ma come lo fanno.

Le coppie, quindi, a causa di questi problemi di comunicazione vivono periodi di forte crisi che non sempre sfociano nella riappacificazione, ma sono l’inizio di un processo lungo e difficile che porterà allo scioglimento della coppia stessa.

PERCHÈ NASCE IL CONFLITTO E QUANDO CI SI DEVE AFFIDARE AL MEDIATORE FAMILIARE?

Le ragioni per le quali nasce un conflitto coniugale sono svariate, ritroviamo tra queste le problematiche legate alla gestione dei figli, del patrimonio mobiliare ed immobiliare, ma anche questioni più futili, ad esempio abitudini differenti ed incapacità di adattamento l’uno all’altra e viceversa. Durante la fase acuta del conflitto, ovvero quella che caratterizza il periodo di separazione legale della coppia, in cui non vi è ascolto e quindi non vi è un dialogo efficace e costruttivo tra i coniugi, sorgeranno delle difficoltà per gli stessi apparentemente molto complicate da superare, perciò in questo caso la cosa più opportuna da fare è quella di affidarsi ad un professionista, il Mediatore Familiare, che, mettendosi in una posizione neutrale, centrale e bilanciata rispetto alla coppia, aiuti la stessa ad incanalare le loro energie al fine di elaborare soluzioni, anziché litigare, così da raggiungere un accordo che sia soddisfacente per entrambi e li aiuti ad uscire dalla condizione di blocco nella gestione di problematiche di diversa natura ed, inoltre, li aiuti a superare il forte stress emotivo e psicologico che causa malessere ad entrambi e ad eventuali figli

Dott.ssa Valentina Di Muro – Assistente sociale e Mediatrice Familiare

No Comments

Lascia un commento